Le persone con fibromialgia, impiegano più tempo ad addormentarsi, a dormire sempre meno. ricerca

Le persone con fibromialgia hanno più difficoltà

addormentarsi, la qualità del sonno è peggiore e l’importo in meno,

rispetto alla popolazione generale, secondo

i risultati di una nuova revisione.

I ricercatori hanno richiamato l’attenzione dei medici specializzati in disturbi del sonno nei pazienti con fibromialgia, dal momento che dormire meglio può aiutare a migliorare i sintomi della malattia.

Lo studio, “Disturbi del sonno nella fibromialgia: una meta-analisi, studi caso-controllo”, pubblicato nel Journal of Psychosomatic Research, ha esaminato diversi studi precedentemente pubblicati che riportano la relazione dei disturbi del sonno con lo sviluppo di fibromialgia.

I benefici di una buona notte di sonno hanno un impatto positivo sulla salute fisica e mentale di tutte le persone.
Secondo i ricercatori, il sonno povero colpisce quasi l’80% dei pazienti con fibromialgia e studi hanno dimostrato che una scarsa qualità del sonno è un fattore di rischio per la fibromialgia.
Infatti, il sonno povero è fortemente associato alla gravità dei sintomi, minore è il numero di pazienti che dormono, peggiore sarà la loro sintomatologia.
Studi clinici con farmaci hanno dimostrato che migliorare la qualità del sonno può ridurre il dolore nei pazienti con fibromialgia.
Per comprendere le caratteristiche dei disturbi del sonno e il loro effetto sui pazienti con fibromialgia, i ricercatori hanno esaminato 25 casi studio di fibromialgia e controlli sani, con un totale di 2086 partecipanti, in cui il sonno è stato valutato mediante polisonnografia (19 studi) e l’indice di qualità del sonno di Pittsburgh (sette studi).

Gli studi che hanno valutato il sonno con polisonnografia hanno riportato differenze significative tra i pazienti con fibromialgia e individui sani rispetto alla veglia dopo l’insorgenza del sonno, il tempo totale di sonno e l’efficienza del sonno, tra gli altri parametri.
Gli studi che hanno valutato il sonno, con l’indice di qualità del sonno di Pittsburgh, hanno riportato differenze significative nei punteggi complessivi, il periodo tra il tentativo di dormire e l’inizio del sonno e la qualità del sonno, tra i due gruppi di partecipanti.

Secondo questa recensione, questo può essere perché i pazienti con fibromialgia hanno difficoltà a dormire, hanno una qualità inferiore del sonno e bassa efficienza del sonno, più lunga veglia prima di addormentarsi, più breve durata del sonno e sonno leggero .

“Le prove cliniche hanno dimostrato che migliorare la qualità di

Il sonno può ridurre il dolore nei malati di fibromialgia “,

ha scritto i ricercatori.

“Pertanto, i fornitori di cure primarie dovrebbero essere informati dei risultati del presente studio e dovrebbero valutare di prendere l’iniziativa, il rischio di disturbi del sonno in pazienti che lamentano un dolore cronico diffuso, o considerare la diagnosi di fibromialgia in questi pazienti.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

error: Content is protected !!