Cos’è la fibromialgia? Quali sono i suoi sintomi? Come prevenirlo? Scopri se ce l’hai

Molti non conoscono questo termine di fibromialgia. Può essere definito come una malattia di eziologia sconosciuta che causa dolore cronico nei muscoli scheletrici.

Allo stato attuale, il trattamento di questa malattia è diventato una delle grandi sfide attuali della medicina.

Tuttavia, la causa di questa malattia è sconosciuta. Questo motivo è diventato un enorme limite per trovare una risposta sufficientemente forte.

Qualcosa che è molto evidente è che porta forti limitazioni a coloro che ne soffrono. La fibromialgia è caratterizzata da dolore diffuso e cronico, soprattutto nel sistema locomotore.

Secondo studi scientifici, è stato determinato che si tratta di una malattia di origine reumatologica.

È stato anche determinato che lo squilibrio nei neurotrasmettitori causa questo dolore. Un neurotrasmettitore è una biomolecola che consente la trasmissione di informazioni da un neurone all’altro.

Per quanto riguarda il trattamento della fibromialgia, è noto solo che deve esercitare diversi tipi di azione nel corpo.

La fibromialgia è una malattia che paralizza gravemente una persona in cui deve far fronte al dolore, o “mialgia”, che è più intenso e prolungato del dolore normale.

Questo dolore può colpire diverse parti del corpo allo stesso tempo.

Diagnosi della malattia

Ci sono molte limitazioni nella diagnosi di questa malattia. Sfortunatamente, finora non ci sono test di laboratorio per identificarlo.

Tuttavia, i medici diagnosticano con l’esame clinico dei pazienti in 18 punti del corpo che sono sensibili alla pressione.

I sintomi che vengono presi in considerazione durante la diagnosi di una persona con fibromialgia

  • Depressione e ansia
  • fatica
  • Disturbi del sonno
  • rigidità
  • Compromissione cognitiva
  • Disturbi gastrointestinali

Secondo gli specialisti è diviso in quattro tipi per facilitare il trattamento:

  • Tipo I: se non c’è malattia che funzioni con esso.
  • Tipo II: quando contemporaneamente ci sono malattie reumatiche e autoimmuni.
  • Tipo III: quando c’è un serio disturbo psicopatologico
  • Tipo IV: è quando i pazienti simulano la sofferenza da questa malattia.

Incontra il trattamento della fibromialgia

Il trattamento della fibromialgia non ha uno scopo curativo, ma solo palliativo, vale a dire che riduce gli effetti negativi.

Ciò che si cerca è che la persona abbia una migliore qualità della vita e mantenerla il più funzionale possibile.

Gli esperti indicano che è consigliabile una psicoterapia cognitivo-comportamentale.

Il trattamento della fibromialgia comporta azioni su più fronti. Fondamentalmente, tre aspetti devono essere considerati:

  • La gestione del dolore
  • L’aumento della funzionalità.
  • La condizione psicosociale del paziente.

Per il trattamento della fibromialgia, deve essere inclusa una dose di analgesici e / o antinfiammatori. Di solito usano medicine come: Tramadol, Paracematol o entrambi combinati.

È importante ricordare che gli antiinfiammatori non sembrano essere altrettanto efficaci nella gestione del dolore.

Per questo motivo vengono utilizzati come misura complementare e quasi sempre in brevi periodi di tempo, ma non in modo sistematico.

È molto comune usare altri tipi di farmaci come benzodiazepine, rilassanti muscolari, anticonvulsivi, antidepressivi, steroidi e altri.

È importante sottolineare che l’automedicazione è estremamente pericolosa in questi casi e che l’efficacia dei farmaci è sempre limitata.

Importanza dell’attività fisica

Un componente essenziale nel trattamento della fibromialgia è l’attività fisica. Questo aiuta a ridurre i sintomi a breve termine.

Esercizi e pratica sportiva devono essere personalizzati. Il medico è colui che dovrebbe guidare queste pratiche, che, in ogni caso, deve essere graduale.

L’attività aerobica è la più appropriata perché contribuisce in modo significativo a migliorare le prestazioni generali.

Le attività sportive come nuoto, idroterapia e ginnastica idroelettrica hanno dimostrato di avere un effetto molto positivo sui pazienti con fibromialgia.

L’educazione del paziente è necessaria. Senza la piena e consapevole cooperazione del paziente è praticamente impossibile per il trattamento della fibromialgia funzionare.

Più la persona è impegnata, maggiori sono le possibilità di miglioramento e il paziente deve sviluppare un atteggiamento costruttivo nei confronti della malattia durante il trattamento della fibromialgia.

Molti dei pazienti hanno riportato miglioramenti dopo trattamenti di agopuntura, chiropratica e omeopatia.

Possiamo sottolineare enfaticamente che chiunque esegue questo tipo di trattamento, deve essere una persona certificata e adatta per lo sviluppo di queste tecniche, altrimenti sarebbe un pericolo ancora maggiore per la loro salute.

Questo è tutto per oggi. Grazie per la visita Condividi queste informazioni con familiari e amici. Ci vediamo più tardi fino alla prossima volta

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Close
error: Content is protected !!